In arrivo avviso dall’Agenzia delle Entrate anche per IMU e TARI, ecco cosa c’è scritto e bisogna preoccuparsi

IMU e TARI: arrivano le lettere dell’Agenzia delle Entrate. Ecco tutto quello che c’è da sapere per i contribuenti italiani.

L’Agenzia delle Entrate sta facendo partire, proprio in questi giorni, degli avvisi scritti per ciò che concerne i pagamenti di IMU e TARI. Alcuni italiani hanno già ricevuto le lettere, altri le riceveranno a breve. Ecco come comportarsi, anche sulla base di quanto dichiarato dalle Istituzioni.

Agenzia delle entrate, avvisi IMU e TARi
IMU e TARI: arrivano gli avvisi dell’Agenzia delle Entrate. Foto: Ansa – (architectours.it)

Il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, ha infatti dichiarato in un recente Question Time in Parlamento: “Sono in corso gli approfondimenti istruttori preordinati alla predisposizione di una proposta normativa diretta a consentire agli enti locali di introdurre, nel rispetto del principio dell’autonomia impositiva, istituto che favoriscano l’adempimento spontaneo del contribuente, con sistemi premiali di riduzione delle sanzioni, quali il controllo formale e l’avviso bonario, già previsti per i tributi erariali”. Ecco, allora, cosa sta accadendo.

Gli avvisi dell’Agenzia delle Entrate su IMU e TARI

Il modo in cui vengono affrontate le irregolarità fiscali potrebbe subire dei cambiamenti significativi, poiché il governo presieduto da Giorgia Meloni sta prendendo in considerazione l’introduzione di avvisi bonari e lettere di compliance anche per i tributi locali, come l’IMU e la TARI. Queste misure, se attuate, potrebbero offrire ai contribuenti un’opportunità di regolarizzazione prima di incorrere in sanzioni più pesanti. Tuttavia, ci sono preoccupazioni sul possibile impatto finanziario che ciò potrebbe avere sui comuni, considerando che molte amministrazioni locali dipendono dai tributi per il loro bilancio.

Agenzia delle entrate, avvisi IMU e TARi
Gli avvisi dell’Agenzia delle Entrate su IMU e TARI – (architectours.it)

Attualmente, l’Agenzia delle Entrate gestisce le irregolarità fiscali emettendo avvisi bonari e lettere di compliance per i tributi erariali. Questi avvisi forniscono ai contribuenti un avviso preventivo delle anomalie riscontrate e un’opportunità per regolarizzare la loro posizione entro un certo periodo di tempo.

I contribuenti possono beneficiare di riduzioni sanzionatorie se ritenuto appropriato. Si sta valutando di estendere questa pratica anche ai tributi locali, consentendo ai comuni di inviare avvisi bonari e lettere di compliance prima di adottare misure punitive più drastiche. Questo potrebbe offrire ai contribuenti la possibilità di correggere le loro omissioni o irregolarità senza dover affrontare sanzioni finanziarie più severe.

Tuttavia, questa proposta solleva preoccupazioni sulle entrate dei comuni, poiché l’introduzione di avvisi bonari potrebbe portare a una riduzione delle entrate fiscali. Ciò potrebbe comportare una diminuzione dei ricavi per i comuni, che dipendono dai tributi come l’IMU e la TARI per finanziare i propri servizi e bilanci.

Insomma, anche in questo caso, non mancano dispute e polemiche. È importante considerare attentamente l’impatto finanziario su enti locali e bilanci comunali. Il governo Meloni dovrà trovare un equilibrio tra la necessità di incoraggiare la conformità fiscale e il mantenimento delle entrate necessarie per sostenere i servizi pubblici locali.

Impostazioni privacy