Bonus spese veterinarie nel 730: novità e limiti 2024

Il bonus spese veterinarie è un aiuto concreto per chiunque abbia un animale domestico. Ecco come accedere alle agevolazioni.

Un’iniziativa positiva è stata introdotta per fornire un sostegno essenziale agli amici a quattro zampe e alle loro famiglie. Si tratta del bonus spese veterinarie, un’opportunità che mira a facilitare l’accesso alle cure veterinarie e a alleviare il peso finanziario associato alla salute degli animali domestici. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Bonus spese veterinarie
Bonus spese veterinarie: i dettagli – (Architectours.it)

Il bonus spese veterinarie è stato accolto con entusiasmo da parte degli amanti degli animali, poiché offre un aiuto concreto per affrontare i costi delle visite veterinarie, delle terapie e degli interventi medici necessari per garantire il benessere dei propri compagni animali. Questo incentivo è particolarmente significativo per le famiglie che potrebbero trovarsi in difficoltà finanziarie nel garantire le cure necessarie ai propri animali domestici.

Il bonus spese veterinarie copre una serie di servizi veterinari, inclusi esami diagnostici, trattamenti terapeutici, interventi chirurgici, vaccinazioni e visite preventive. Inoltre, può essere utilizzato per l’acquisto di farmaci e prodotti farmaceutici prescritti dal veterinario per il trattamento di malattie o condizioni mediche degli animali domestici.

Una delle principali ragioni per l’introduzione del bonus spese veterinarie è quella di garantire che tutti gli animali domestici ricevano le cure veterinarie di cui hanno bisogno, indipendentemente dalla situazione finanziaria dei loro proprietari. Questo incentivo mira a promuovere la salute e il benessere degli animali domestici, riducendo al contempo il rischio di abbandono o maltrattamento degli animali dovuto a problemi finanziari.

Bonus spese veterinarie: i dettagli

Dunque, l’abbiamo definita una buona notizia per chi si prende cura degli amici a quattro zampe: le spese veterinarie possono ora essere detratte anche nel quadro della dichiarazione dei redditi 730/2024. Questo significa che gli amanti degli animali possono ottenere uno sconto d’imposta per le spese sostenute per il benessere dei propri compagni animali. Tuttavia, è importante tenere presente che ci sono dei limiti massimi di spesa detraibile.

Bonus spese veterinarie
Come detrarre le spese veterinarie – (Architectours.it)

Grazie alla Legge di Bilancio 2021, il limite massimo detraibile è stato aumentato da 250 a 550 euro. Questo aumento rappresenta un sostegno significativo per coloro che hanno animali domestici e devono affrontare spese veterinarie. Oltre a questo, la franchigia che si applica è di 129,11 euro: ciò significa che solo le spese che superano questa soglia possono essere detratte.

Chi può beneficiare di questa detrazione e secondo quali regole? Come per la maggior parte delle detrazioni al 19%, è possibile fruire di questo beneficio solo se si rispetta l’obbligo di tracciabilità dei pagamenti. Le spese ammesse in detrazione includono esami diagnostici, terapie, interventi chirurgici, vaccinazioni e farmaci prescritti dal veterinario. Ovviamente, i pagamenti devono essere tracciabili.

Per quanto riguarda le spese sostenute nel 2023, quindi quelle riportate nella dichiarazione dei redditi 2024, il limite stabilito è di 550 euro. Tuttavia, la detrazione massima deve essere calcolata su un importo massimo di 420,89 euro. Fatta la differenza, il bonus del 19% ammonta a 79,96 euro.

Le spese veterinarie sono indicate nel quadro E del modello 730/2024: gli importi vanno indicati nei righi da E8 a E10 con il codice 29. L’importo deve comprendere la franchigia: se le spese veterinarie sostenute nel 2023 superano il limite imposto dalla Legge di Bilancio, la cifra che va indicata è comunque 550.

Impostazioni privacy