Quali tasse si pagano su una casa sfitta e inutilizzata? Attenzione a questi casi: le spese sono tante

Cosa accade se ho una casa sfitta e/o inutilizzata: devo pagare o meno le tasse sull’immobile? Ecco quando le spese sono dovute. 

Nel panorama immobiliare attuale, possedere un secondo immobile può derivare da una serie di motivazioni diverse. Alcuni individui scelgono di investire in proprietà aggiuntive come forma di investimento a lungo termine, puntando sulla rivalutazione dell’immobile nel tempo.

Casa sfitta e inutilizzata quando si pagano le tasse
Tasse, devo pagarle su una casa sfitta o inutilizzata? – Architectours.it / Credits: Canva.it

Altri possono ereditare una casa o un appartamento da parenti, trovandosi così a gestire un bene immobiliare non originariamente previsto nei loro piani finanziari. Inoltre, l’acquisto di una seconda casa può essere motivato dal desiderio di avere una residenza vacanziera in luoghi di interesse turistico o semplicemente per diversificare il proprio portafoglio investimenti.

Casa sfitta e inutilizzata: quando bisogna pagare le tasse

Una volta acquisito un secondo immobile, esistono diverse strategie per trarne profitto. L’affitto tradizionale rappresenta la via più comune: mettere a disposizione l’immobile su base mensile o annuale offre una fonte costante di reddito passivo.

Negli ultimi anni, piattaforme come Airbnb hanno rivoluzionato il concetto di affitto breve, permettendo ai proprietari di guadagnare somme significative affittando le loro proprietà per periodi brevi a turisti o viaggiatori d’affari. Queste modalità non solo consentono ai proprietari di coprire i costi associati alla manutenzione dell’immobile ma possono anche generare profitti considerevoli.

Le tasse si pagano anche se la casa è sfitta e inutilizzata? Cosa dice la legge
Tasse sulla casa: quando vanno pagate e quando no – Architectours.it / Credits: Canva.it

Detenere un immobile vuoto e inutilizzato comporta comunque delle responsabilità fiscali che il proprietario deve assolvere. In Italia, ad esempio, anche gli immobili non utilizzati sono soggetti al pagamento dell’IMU (Imposta Municipale Propria), calcolata sulla base del valore catastale dell’immobile e applicabile con aliquote che variano in funzione del comune dove l’immobile è situato.

A questa si aggiunge la TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili), destinata a coprire i costi dei servizi comunali che beneficiano all’intera collettività indipendentemente dall’utilizzo diretto del servizio stesso da parte del contribuente (illuminazione pubblica e manutenzione strade). È importante notare che alcune categorie specifiche d’immobili possono godere di esenzioni parziali o totali basate su determinate condizioni stabilite dalla normativa vigente.

In conclusione, mentre possedere un secondo immobile può offrire opportunità economiche interessanti sia sotto forma d’investimento sia come fonte diretta d’entrata attraverso l’affitto breve o tradizionale, è fondamentale considerare le implicazioni fiscali connesse alla detenzione stessa dell’immobile non utilizzato. La conoscenza approfondita delle tasse applicabili è essenziale per gestire efficacemente la propria proprietà ed evitare sorprese spiacevoli dal punto vista fiscale.

Impostazioni privacy