Sulla tua caldaia c’è un bollino colorato, controlla subito: se è questo il colore ti hanno truffato

Le certificazioni sulle caldaie sono fondamentali per garantire la sicurezza e l’efficienza energetica degli impianti di riscaldamento.

La manutenzione delle caldaie è un aspetto cruciale per garantire il corretto funzionamento degli impianti di riscaldamento e assicurare la sicurezza degli ambienti domestici, oltre al rispetto dell’ambiente. In Italia, il controllo delle caldaie è regolato attraverso l’emissione di due tipi di certificazioni: il bollino verde e il bollino blu. Ma quali sono le reali differenze tra queste due tipologie di attestazioni e quali implicazioni comportano per i proprietari di immobili?

Caldaia, bollino
Fondamentale la manutenzione della caldaia – (architectours.it)

Le certificazioni sulle caldaie sono fondamentali per garantire la sicurezza e l’efficienza energetica degli impianti di riscaldamento. Il tipo di certificazione da avere sulla caldaia in casa dipende dalle esigenze specifiche del proprietario e dall’importanza data alla sostenibilità ambientale. Fondamentale fare un passo significativo verso un ambiente domestico più sicuro, efficiente ed ecologico.

Di che colore è il bollino sulla tua caldaia?

Il bollino verde rappresenta un attestato di efficienza energetica rilasciato a seguito di una verifica della caldaia. Questo tipo di controllo attesta che l’apparecchio di riscaldamento sia in grado di operare mantenendo standard elevati in termini di consumo energetico. La verifica per ottenere il bollino verde deve essere condotta da un tecnico qualificato e i principali parametri esaminati includono le emissioni, l’efficienza termica e il corretto funzionamento dell’impianto in termini di sicurezza. Gestito dalla Regione o dalla Provincia, il bollino verde è obbligatorio per tutte le caldaie installate nei Comuni con una popolazione inferiore a 40.000 abitanti.

Caldaia, bollino
Di che colore è il bollino sulla tua caldaia? – (architectours.it)

Diversamente, il bollino blu si concentra sulla verifica delle emissioni inquinanti della caldaia, garantendo il rispetto dei limiti legali imposti. Questa certificazione assicura che l’impianto di riscaldamento sia in linea con le normative ambientali riguardanti le emissioni. Gli interventi necessari per ottenere il bollino blu riguardano il controllo dei fumi, la manutenzione ordinaria e la pulizia del bruciatore. Gestito direttamente dal Comune, il bollino blu è richiesto per gli impianti presenti nei centri con più di 40.000 abitanti.

Mentre il bollino verde si concentra principalmente sull’efficienza energetica e sulla sicurezza generale dell’impianto, il bollino blu rappresenta un livello aggiuntivo che evidenzia un impegno verso l’ambiente e un’efficienza energetica superiore. Entrambi i certificati possono offrire vantaggi fiscali, ma le caldaie con bollino blu potrebbero beneficiare di incentivi più generosi, soprattutto in zone a rischio inquinamento.

Sebbene le caldaie con bollino blu possano comportare un costo iniziale leggermente più elevato, i risparmi a lungo termine sulle bollette energetiche e i potenziali incentivi fiscali possono compensare questo investimento aggiuntivo.

Impostazioni privacy