Dipingere un vecchio mobile della casa, attenzione a non commettere questi 3 errori o rovinerai tutto

Non commettere questi 3 errori quando dipingi e cerchi di recuperare un vecchio mobile di casa: così farai un lavoro perfetto. 

Ridipingere un vecchio mobile può trasformarsi in un’attività gratificante e creativa, capace di dare nuova vita a pezzi d’arredo che sembravano destinati all’oblio.

Dipingere mobile di casa: 3 errori da non fare mai
Non commettere questi 3 errori quando dipingi un mobile di casa – Architectours.it / Credits: Canva.it

Tuttavia, per assicurarsi che il risultato finale sia all’altezza delle aspettative, è fondamentale evitare alcuni errori comuni che potrebbero compromettere la buona riuscita del lavoro. Scopriamo insieme quali sono i tre principali errori da non fare quando si decide di intraprendere questa avventura fai-da-te.

Dipingere un vecchio mobile di casa: 3 errori da non fare

Il primo errore, forse il più frequente tra gli appassionati del fai-da-te, è quello di sottovalutare o addirittura saltare completamente le fasi preparatorie. È comprensibile l’eccitazione di voler vedere subito il risultato finale, ma una buona preparazione è essenziale per garantire la qualità e la durata nel tempo del lavoro svolto. Per mobili nuovi o in buone condizioni potrebbe essere sufficiente una pulizia approfondita, tuttavia, quando si lavora su pezzi più datati o con superfici danneggiate, diventa cruciale dedicarsi a operazioni come lo sgrassaggio e l’utilizzo della carta abrasiva per rendere la superficie leggermente ruvida. Questo passaggio migliora l’aderenza della pittura.

Inoltre, applicare una mano di primer o fondo prima della pittura vera e propria aiuta a prevenire problemi futuri come l’affioramento di macchie causate da muffa, inchiostro, oli o tannini. Queste imperfezioni possono non essere visibili ad occhio nudo ma rischiano di emergere dopo l’applicazione della pittura colorata. Il secondo errore riguarda la tentazione di accelerare i tempi ignorando le indicazioni sui tempi di posa e asciugatura forniti dai produttori dei prodotti utilizzati. La sensazione al tatto di una superficie apparentemente asciutta può ingannare, sovrapporre nuovi strati prima che il precedente sia perfettamente asciutto minaccia la stabilità dell’intero lavoro.

Come dipingere un mobile di casa: non commettere questi 3 errori
3 errori da non commettere quando dipingi un mobile di casa – Architectours.it / Credits: CAnva.it

Le indicazioni sulla confezione riguardanti i tempi “fuori polvere” (asciugatura al tatto) e quelli per un’asciugatura completa sono basate su condizioni medie (20°C con 60% umidità). Variazioni climatiche possono influenzarli significativamente, pertanto è vitale adeguarsi alle circostanze specifiche per evitare problemi nella coesione tra gli strati sovrapposti. Infine, il terzo errore consiste nel sovrapporre troppe mani di prodotto nella convinzione errata che ciò possa aumentarne bellezza e resistenza. Al contrario, uno spessore eccessivo rende il lavoro più fragile ed esposto a sbeccature soprattutto in corrispondenza dei bordi o delle chiusure dove può impedire il normale funzionamento del mobile.

La soluzione ideale consiste nell’applicare una sola mano di primer se necessario e optare per pitture ad alta copertura capaci di garantire ottimi risultati già con due applicazioni. Inoltre è importante resistere alla tentazione delle finiture superflue: ad esempio lo smalto all’acqua non richiede protezioni aggiuntive poiché già idrorepellente ed efficace come finitura definitiva.

Evitando questi tre errori comuni sarà possibile affrontare con maggiore sicurezza il progetto restyling del proprio mobile antico o usato. Ricordiamo sempre che ogni passaggio va ponderato attentamente: dalla preparazione alla scelta dei materiali fino al rispetto dei tempi tecnici necessari perché ogni fase raggiunga l’effetto desiderato senza compromettere la qualità finale dell’intervento.

Impostazioni privacy